31 luglio 2009

Shock Shock Me !

Ieri giravo un po su splinder (perchè sono disoccupata e non ho niente da fare) e sono capitata in un blog come tanti, e dopo due minuti mi ritrovo di fronte a questo, mi si apre allora un ventaglio di opzioni:
  • indignarmi e andarmene;
  • indignarmi e lasciare un commento anonimo;
  • indignarmi e fare quello che sempre faccio e cioè commentare senza nascondermi dietro l'anonimato;
Scelgo la numero tre, perchè la numero tre sono io.

Insomma come avete visto il post riporta la foto di una povera crista seduta in mezzo alla strada con il cartello "ho fame" e che quindi chiede l'elemosina ...l'episodio sarebbe passato inosservato, come avviene
quotidianamente se non fosse che la ragazza in questione è un attimo in carne.
Si apre così la fiera dell'ilarità,che inizia silenziosamente nel post e prosegue prendendo voce nei commenti. Io,tralasciando il dramma dello stare seduti per strada tra l'indifferenza generale a chiedere l'elemosina,per questo fatto della ciccia mi sono sentita toccata nel profondo, mi sono sentita chiamata in causa, perchè in fondo dove c'è ciccia c'è anche un pò di me,e perciò ho dovuto per forza dire qualcosa e credo di averlo fatto in maniera discreta e garbata, anzi se vogliamo anche con un velo di simpatia (ovviamente non colta), come potete vedere voi stessi.

Cosa ne ho ottenuto?
Questo :


Ciao, sono giunto qui seguendo a ritroso le tracce di Nutella che hai lasciato da me. Puoi togliermi una curiosità? Una che pesa 110 chili ed è disoccupata... che cosa fa tutto il giorno? A parte mangiare tramezzini, dico.

Si sveglia, rotola fino al frigorifero, si beve un barattolo di maionese, arranca fino alla poltrona dove sviene, esausta, rimanendo davanti alla TV/PC fino all'ora di mangiare?


Con in più una foto di pessimo gusto che secondo l'autore dovrebbe suscitare simpatia ma che personalmente trovo molto offensiva non solo per me, ma per ogni donna in sovrappeso, per ogni donna in generale, per la donna nella foto in particolare, e per tutto il genere umano con un cuore.

Perciò ora ho l'impellente bisogno di rispondere al Signor Niebbo,e quindi:

Carissimo,
innanzitutto le tracce di nutella non sono le mie, perchè il paradosso dei paradossi è che sono grassa senza aver mai mangiato la nutella. Poi, non so quali barbare abitudini tu abbia ma io la maionese non la bevo e se proprio devo dirla tutta non la gradisco neanche. Però se tu hai questa impellente necessità di bere maionese, ti consiglio di usare un bicchiere e un sottobicchiere per non lasciare viscide tracce del tuo passaggio. Il fatto poi che io sia disoccupata dovrebbe solo farti riflettere su quanto culo tu abbia avuto a trovare un lavoro!

Ora vorrei affrontare per te e con te l'argomento gente grassa, che secondo me tu non ci hai capito molto.
Secondo il tuo ragionamento, un grasso non dovrebbe mangiare perchè è come un dispositivo che una volta riempito di energia funziona finchè non si svuota, una volta carico funziona che è una bellezza e si autosostenta che è una meraviglia (per questo ti risulta cosi divertente e assurda la richiesta della ragazza nella foto: sei grassa quindi cazzo ti mangi, no? vero Niebbo?).  Devi sapere però e sono certa di stupirti con questa notizia che un grasso non è altro che un essere umano, si un essere umano proprio come te (tu,lo sei???), perciò soggetto alle leggi che governano ogni essere umano. Con tua grande sorpresa scopri quindi che anche un grasso ha bisogno di mangiare, pensa te che anche un grasso che segue una dieta ha bisogno di mangiare.....roba che quasi non ci si crede! Smentiamo allora una volta per tutte queste infondate voci di corridoio secondo cui i grassi non hanno bisogno di mangiare, che non è vero niente!

Fin qui abbiamo quindi chiarito che un grasso non è altro che un essere umano e non un alieno, o una palla inanimata di gomma piuma, o uno di quegli affari che danno energia e che illuminano i camion della porchetta durante le feste di paese e che perciò ha le stesse esigenze fisiche del restante genere umano.

Chiarito ciò, veniamo ora al perchè? Perchè alcune persone sono grasse?
Le opzioni sarebbero numerose, ma cerco di riasumertele in due grandi categorie, per renderti più chiaro possibile il concetto:
La gente è grassa perchè mangia piu del dovuto;
La gente è grassa perchè è malata, dove per malattia si intendono sia disfunzioni fisiche che psicologiche;

Per esempio, giusto per renderti l'idea,no?! A me in una calda estate di qualche anno fa,la stessa estate in cui tu passavi da un Mojito party ad un falò sulla spiaggia, a seguito di alcuni malori, mi fu riscontrata un'anomalia e mi fu detto che era assolutamente necessario asportare la tiroide prima che la situazione prendesse una brutta piega.
Fu così che alla tenera età di 23 anni, ho dovuto a malincuore rinunciare ad un organo importante...da quel giorno vivo e funziono grazie a delle pillole, che se un giorno finisco per strada come quella ragazza nella foto, non faccio in tempo a dimagrire per la fame che mi si ingrippa l'organismo e via, che si va al Creatore.
Ora per farti capire il perchè io ti stia raccontando questa storia mi tocca farti da maestrina e dirti cosa è la tiroide e cosa succede se un giorno ti impazzisce.
Te la dico semplice semplice eh! Terra terra!
La tiroide è come una bomba piena di ormoni, gli ormoni per una persona sono importanti e ne esistono di tanti tipi: ci sono quelli che ti fanno crescere, ci sono quelli che mettono in moto il tuo apparato riproduttivo, e altri ancora...Finchè funziona va tutto bene ma se la bomba esplode sei fottuto...e ti puo fottere a livello fisico e psicologico, se è in vena anche tutti e due. A livello fisico per esempio puo farti gonfiare come un pallone aerostatico contro la tua volontà, puoi anche mangiare un gambo di sedano al giorno ma stai tranquillo che ti gonfi lo stesso, oppure ti corrode internamente, ti mangia lentamente tutti gli organi e ti fa schizzare gli occhi fuori dalle orbite e non è un modo di dire perchè succede proprio questo (chiamasi esoftalmo), ecco io soffrivo di ipertiroidismo che per fortuna mia perchè so che a te non te ne frega una cippalippa la cosa è stata presa in fase iniziale! A livello psicologico invece una tiroide sbagliata può semplicemente catapultarti all'inferno con pesanti stati depressivi, panico e altro ancora...
Questa è stata la mia esperienza personale, ti dico solo che ero arrivata a pesare 125 chili.
Non ti sto poi qui a parlare del fatto che per due anni son dovuta andare in giro così, una cosa esilarante, non ti dico le risate! Ripeto questa è la mia esperienza, ma esistono una vagonata di malattie che ti fanno gonfiare privandoti dell'innata beltà, e spero che quella vagonata non ti arrivi mai tra capo e collo (o si?mah!) Delle malattie psicologiche, come i disturbi alimentari, le depressioni, le ansie infondate non te ne voglio parlare ,che proprio non mi va che è dalle cinque e mezza di stamane che rotolo per casa e son stanca e poi qualcosa mi dice che non capiresti!

Qualcosa mi dice che non capirai neanche metà di quello che ho scritto ma per lo meno la prossima volta che incroci una persona in carne prima di fare partire la risata isterica, scollegati dal buco del culo e collegati un attimo con il cervello e pensa (se ti riesce e la cosa non richiede eccessivo dispendio di energie) che forse stai ridendo di una persona malata! E secondo me dopo averci pensato riderai lo stesso..ma va beh!

Quello che mi ha fatto piu rabbia nel tuo commento, al di la della tua profonda ignoranza, e della tua conoscenza dell'essere umano pari a zero è che sei andato sul personale, ma perchè?
Ho sempre pensato che offendere una persona per un difetto fisico sia quanto di piu squallido e basso ci possa essere! Io ti ho visto, sai? Potrei farlo anche io, anche tu sei pieno di difetti, come tutti del resto, ma io non ti offendo perchè so che non ne ho il diritto e so che tu sei una persona e in quanto tale meritevole di rispetto (a questo punto direi a livello puramente teorico eh!?!)

Mi attengo perciò ai fatti e alle parole!

Beh ora vado che siccome sono disoccupata e grassa sono costretta dagli stereotipi a svenire in qualche angolo della casa, possibilmente davanti alla tv e o al pc, anche se personalmente preferisco l'angolo tra la camera da letto e il bagno.


Per sempre Tua!



29 luglio 2009

TENGO UN PROBLEMA SERIO!



  Manuela Arcuri riprendi il posto tuo che qui non è cosa!


Alla fine opto per una risposta che puo voler dire tutto e niente, questa

= )

e che lui percepisce inevitabilmente come messaggio vuoto....

Segue più o meno questa conversazione :

Lui: Ma sei di x?
Io: Si....suppongo anche tu, giusto?
Lui: Si. Ma sei fidanzata?
Io: No! Perchè me lo chiedi?
Lui: Mi piacerebbe conoscerti.


IO



Io: Già, sarebbe bello ma sarei di sicuro una delusione per te!
Lui: Perchè?
Io: Sei un bel ragazzo e puoi trovarti una bella ragazza !
Lui: Guarda che anche io ho i miei difetti..per esempio sono basso!
Io: Ed io sono grassa che è peggio! Quanto sei alto?
Lui: 165cm. Tu quanto pesi?
Io: Se te lo dico dopo dovrei ucciderti e non mi pare il caso!!
Lui: Dai dimmelo!
Io: None!
Lui: Va beh fai come ti pare. L'invito è sempre valido ora però devo andare.
Io: Ok buona serata.

Oggi più che mai, mi rendo conto di avere un grossissimo problema: per me relazionarmi con la gente è sempre stato un pò difficile, ma si sfocia nel puro dramma quando dall'altra parte c'è un essere vivente di sesso maschile.

Alcune persone (conosciute qui su splinder o che mi hanno aggiunto su msn) mi chiedono: "Ma possibile che tu in 26 anni non hai mai avuto un ragazzo?" E un pò si meravigliano quando candidamente dico loro la verità e cioè: MAI.

Un tempo pensavo fosse per colpa della bruttezza, poi per colpa del grasso...
Oggi mi rendo conto che questo discorso vale, ma non basta.
Se sei bella avrai dieci pretendenti, se sei brutta ne avrai due, ma li avrai.
Perchè come dice mia nonna, nessuna carne rimane invenduta (traduzione di : "nsciuna carn rmon alla vcciarei")!

Dunque il problema sono io! Tanto per portare una ventata di novità nella mia vita!

Per farvi capire meglio analizziamo alcuni aneddoti.

Un giorno mi giro e vedo che un ragazzo mi sta fissando, mi piace e lo guardo anche io. Il giorno dopo scopro che frequenta l'ultimo anno nella mia stessa scuola. Da quel giorno inizia a seguirmi, mi segue come un fesso ma non mi ferma mai. Mi pedina, mi fissa, mi squadra ma non si approccia. Il massimo che riesce a dirmi, quando un giorno sbuca inaspettatamente da una porta mentre passo di la è un : "Ciao bellissima"..."Ma vaffanculo" la mia immediata replica mentale!
Io che non sono mai stata una grande temeraria comincio a spaventarmi, ormai ha assunto il profilo del maniaco, potenziale serial killer : me lo ritrovo sempre alle spalle che mi segue in silenzio ovunque io vada. Cammino per un'ora? Lui mi segue per un'ora. Al limite, se è in vena, mi fischietta anche qualcosa!
Ricordo la fatica fisica e psicologica per seminarlo, per confonderlo, divenne praticamente una guerra muta e quando riuscivo a seminarlo mi precipitavo a casa mi ci serravo dentro e rimettevo naso fuori solo all'indomani per andare a scuola.
Si chiamava Antonello.


Quando ero piccola,la domenica passavo il pomeriggio con mia nonna (si, quella del pianterreno) ricordo
che spesso passava di li un bimbo minchia, con sorella al seguito minchiona pure lei. Passavano, mi guardavano e se la ridevano di gusto. Tutte le volte ridevano di me e una volta senza ragione alcuna mi aizzarono contro pure un cane! Ma tanto io ritornavo tra le braccia di quella valchiria di mia nonna e tutto passava!
Passano gli anni.
Un giorno mentre esco di casa per andare da una mia amica, mi passa proprio davanti il bimbo minchia
che nel frattempo è diventato un ragazzo minchia che assomiglia tale e quale a Celentano. Mi fissa, io indignata dal ricordo giro lo sguardo e proseguo per la mia strada, ad un certo punto mi volto e vedo che lui ha preso a seguirmi, io spaventata proseguo...quello accellera il passo e mi si affianca...mi dice : "Sei una bellissima ragazza, ti vorrei tanto conoscere"...Li mi si è scatenato l'inferno dentro. Avevo paura che qualcuno mi vedesse con questo tizio e pensasse chissà cosa. Iniziai a cacciarlo ne più e ne meno di come si fa con un gatto molesto, ma quello non demordeva! Lo pregai di andarsene, gliene dissi di tutti i colori: vattene che non è aria, non ti voglio conoscere, non ho la testa per queste cose, ti prego lasciami sola.... Alla fine mi dice: "Me ne vado solo se mi prometti che dalla prossima volta che ci incontriamo, mi saluti". Io pur di mandarlo via acconsento...da quel giorno non ci siamo piu parlati ne salutati. Ne tantomeno è più passato da sotto al mio balcone, che ci passava sempre!
Si chiamava Bartolo o Bartolomeo...mo non mi ricordo di preciso!


Per un'estate ho lavorato in un bar/ristorante più o meno qui e ho rimorchiato!

Una mattina:

Lui: Rifallo!
Io: Cosa?
Lui: Sorridere! Sei bella quando sorridi!
Io: =)
Lui: Di dove sei?
Io: Di x !
Lui: Io di y, ma la possima volta che passo da x ti offro qualcosa!
E se ne va!
Mah!

Una sera :

Mentre lavavo dei bicchieri arriva un uomo, con un amico, mi chiedono una birra, e io gliela do (la birra, sia chiaro); Mentre armeggio con la macchina del caffè...l'uomo mi chiede: "Di dove sei?" Io tutta presa da quel marchingegno produci caffè, rispondo distrattamente...e mi sento dire: "Ooooooooooh ma non sapevo che ad x ci fossero ragazze cosi belle".
Io penso : "Santa Madre mia, nata volt!?"
Si rivolge all'amico : "Ma guardala che espressione dolce, che occhi che ha". L'amico (a cui va tutta la mia stima) non potendo fare diversamente, conferma.
Da quella sera quell'uomo ha cominciato a frequentare il bar, per me ha mandato giù pezzi di focaccia duri come marmo e bevuto non so quante birre!
E me ne ha dette di tutte nell'intento di convincermi:
- Ti posso invitare a cena?
- Ti vedo stanca, dai, prendi il giubbino che ti porto via da qui!
- Usciamo insieme? Con me puoi stare tranquilla!  (Si va beh!)
E' inutile che vi sto a dire la mia risposta qual'è stata che tanto gia la sapete!
Quell'uomo aveva un nome, un nome che ora non ricordo!

Non parliamo poi delle chat!

...........

Ne dobbiamo parlare?
E va buo va, parliamone!

Le chat sono quei buchi neri senza spazio,senza tempo e senza Dio in cui è possibile incontrare di tutto, per lo più il peggio! Comunque sia,  ho conosciuto tanta gente in chat , ma solo di uno mi sono fidata e solo a lui ho dato il mio numero di telefono! All'inizio mi piaceva molto, poi si è allontantato per un pò, e quando è ritornato mi era già sceso sotto le suole delle scarpe (perchè io sono fatta di roba virulenta, subito mi prende e se sgarri subito mi passa). Da allora lui non è più andato via, sono tre anni che aspetta di incontrarmi, che non molla l'osso e tre anni sono lunghi, quindi due sono le cose: o è malato come me se non di più, oppure è l'uomo della mia vita! Mah..mah..Ma può la vita essere così beffarda da darmi un uomo che non mi attira neanche un pò,  che mi fa incazzare nove volte su dieci, che mi urta in ogni cosa,  che fa delle battute pessime, che in ogni messaggio mette almeno un "hahaha" (cazzo ridi!!),  che non mostra passione alcuna, e che dice pultroppo invece di purtroppo? Mah...mah...
Il ragazzo porta il nome di Siffredi e si incazzò come una belva quando una volta lo chiamai pisellino!


Ora, come dice mia nonna nessuna carne rimane invenduta...ma qui il problema sono io; io che non mi voglio vendere! E non perchè non voglio intendiamoci, è che non ci riesco!
In me subentra un primordiale istinto di difesa che non lascia passare niente e nessuno!
Sono inavvicinabile! E al solo pensiero di un appuntamento mi sento di morire!
Ma tutto ciò non è un bene!



27 luglio 2009

UNA SEDUTTRICE NATA !!!

Sottotitolo: A me Manuela Arucuri mi fa una pippa!

Apro Libro in Faccia.

Noto che c'è posta (giusto un messaggio per non esagerare)!

Penso sia il solito messaggio di uno di quei gruppi a cui mi sono incautamente iscritta, tipo vieni a mangiare in puglia, salviamo la foca monaca e quelli che...birra e rutto libero.

Apro e...

Non è un gruppo.
Non è un conoscente.
Non è pubblicità.
E' un ragazzo!

Trovo questo messaggio : "proprio carina".

Ora, dopo trenta secondi di profondo smarrimento valuto le possibili risposte, perchè una risposta bisogna pur darla e quindi :
  • Grazie. Anche tu ti difendi bene.
  • Se vuoi ti passo il numero del mio oculista.
  • Sai che non me lo dice mai nessuno?
  • Oddio così mi fai arrossire.
Però per evitare di sembrare rispettivamente:
  • Sfrontata (che non è proprio nella mia natura).
  • Sarcastica (che è proprio nella mia natura, ma ho notato che non tutti mi comprendono).
  • Sfigata (che lo sono, ma è meglio non dirlo ai quattro venti).
  • Poco credibile (vedi sopra).

Alla fine opto per una risposta che può voler dire tutto e niente, questa :


=)

E mo stiamo a vedere.....

24 luglio 2009

Estate




L'estate più brutta

L'estate più buia

più niente da aspettare
più niente da sperare
impatto doloroso col presente


L'estate più inutile

 solo l'immaginazione,
ma sono stanca del solo immaginare,
non mi serve più e mi fa solo del male

L'estate più ansiogena

ed è tutto un battito accellerato di cuore

respiro corto
 viscere doloranti


L'estate più sconfortante

L'estate tormantata

.... L'estate ....



23 luglio 2009

Quesiti importanti

Dal libro "Meglio donna che male accompagnata" di Geppi Cucciari

Esiste un uomo normodotato che capisca le mie battute e che non mi faccia sentire grassa?




NO!!


P.S.
La domanda è tratta dal libro, la risposta invece è del tutto personale!

18 luglio 2009

I SOGNI SON DESIDERI MA SPERIAMO CHE I MIEI NON SI REALIZZINO MAI

Credo sia giunto il momento di svelarvi la parte più oscura e mostruosa di me : i miei sogni. Quelli che faccio di notte, intendo.  Ecco, accade un fenomeno strano, accade da circa sei anni, da quando ho preso a litigare seriamente col mondo e con me stessa, accade che i miei non sono più semplici sogni o semplici incubi, no, sono delle rappresentazioni di puro terrore. Accade anche che non mi turbino più di tanto; da sei anni insomma ho preso a funzionare cosi: se sogno cose brutte ( demoni, serial killer, un futuro da barbona ...) mi sveglio come se nulla fosse! Invece quelle due volte l'anno in cui sogno qualcosa di vagamente piacevole (che so una vincita al superenalotto, un vestito che mi entra, un uomo a torso nudo che cavalcando sul bagnasciuga un destriero bianco dalla lunga e folta criniera mi viene incontro sorridendo, ecco) poi per tutto il giorno a seguire mi prende male...ma male forte.

Si da il caso però che da un po di tempo a questa parte stia rendendo partecipi di queste rapresentazioni notturne non solo le persone con cui spartisco quotidianamente la vita ma anche i personaggi della TV.



Sogno numero uno :

Premessa: credo che uno dei periodi in assoluto più orribili della storia sia stato il nazismo. Ogni volta che mi sono ritrovata questa macabra storia tra i libri di scuola, in un film, in un documentario, in un libro, ne sono sempre rimasta sconvolta...penso e mi chiedo : come può mezzo mondo non solo non accorgersi che un uomo è pazzo, ma seguirlo, venerarlo, credergli, e condividerne i pensieri e le azioni?
E se dovesse ricapitare?


Il sogno :
Vado da mia nonna che abita in un pianterreno (si da noi ancora esistono,anzi da qualche parte ci sarà pure qualche caverna abitata) perchè stanno facendo una manifestazione, una rappresentazione del periodo della seconda guerra mondiale (il mio cervello crea anche le introduzioni!), quindi per il paese sfilano carri armati (che poi secondo me non ci passa neanche un carro armato per quella strada li, strapperebbe via le tendine di mia nonna), soldati e compagnia bella..ovviamente ci sono pure i nazisti.
All'improvviso alcuni soldati prendono a puntare i fucili sulla gente e ad urlare che quella non era una rappresentazione e che era tutto vero...si creano così scene di panico, la gente incredula e sapventata comincia a correre e ad urlare, io mi alzo, svolto l'angolo e come un fulmine prendo il largo. Dopo una lunga corsa mi ritrovo nel buio di una stradina di campagna, sento solo voci e suoni in lontananza, vedo solo ombre...a quel punto mi rendo conto di aver lasciato tutti i miei affetti sulle gradinate di casa della nonna, così con passo furtivo, spalmata contro un muretto, ritorno sui miei passi, ma una volta arrivata a destinazione non trovo più nessno, ne i miei, ne la nonna (povera vecchia!!) ne nessn'altro e in più ci sono macerie ovunque...I nazisti hanno ripreso a catturare gente...Allora penso che sia il caso di trovarmi un nascondiglio, ma non è facile, busso ma nessuno mi apre e tutti mi dicono che non c'è posto... vedo tanta gente intimorita e ammassata in piccoli nascondigli...io però alla fine un rifugio lo trovo e mi rendo conto che non so come ma siamo vestiti tutti come all'epoca, per la maggior parte indossiamo stracci o vestiti che non sembrano nostri. Ho trovato rifugio in una casa piena di gente, che si affaccia su un cortile con altre case tutte stracolme di gente. Mi mettono a dormire in un posto fetido ma l'importante è essere al sicuro. Una sera, però alcune ragazze si mettono a cantare, e il cortile diventa all'improvviso un luogo di festa, lampadine accese canti e urla ed io che penso : "ma state zitti che cosi vi sentono e ci trovano e ci prendono e...." ma ovviamente quelli continuano...e infatti i nazisti arrivano! Arrivano urlando e con le pistole in mano...cominciano a chiamare dei numeri a caso, ogni persona ha un numero, io prego affinchè a quei tizi non venga in mente il mio numero...ma alla fine lo sento quel maledetto numero....tutti sapevamo che quelli chiamati sarebbero stati portati via e uccisi...rimango paralizzata, non voglio alzarmi e quando sto per farlo vedo un ragazzo davanti a me che si alza al posto mio, poi si gira e mi guarda con un volto angelico...i soldati però se ne accorgono e alla fine ci prendono entrambi e ci portano via..Iniziamo a camminare in gruppo, chissà dove ci portano a morire, arriviamo in una piazza dove c'è un sacco di gente e da un megafono un soldato dice che al centro della piazza è stata messa una bomba e che alla fine del conto alla rovescia esploderà, e infatti alziamo il naso al cielo e vediamo sospesa nell'aria, una specie di palla, è la bomba. Comincia il conto alla rovescia, la gente urla e scappa in ogni dove .....io pure....supplico affinchè mi facciano entrare in qualche nascondiglio ma niente non vogliono, alla fine con un pò di prepotenza riesco a ficcarmi in una botola, con gli altri serriamo l'ingresso e al buio aspettiamo l'esplosione, e invece niente, il conto alla rovescia è finito eppure nessuna esplosione...aspettiamo ancora un pò, e poi decidiamo di aprire e sbirciare per vedere cosa succede, appena tiro fuori mezza testa, (lo stretto necessario per dare un'occhiata) vedo arrivare qualcuno; vedo arrivare una di quelle macchinine bianche che si utilizzano nei campi da golf,  vedo sulla macchinina un uomo col megafono che dice qualcosa..
La macchinina passa davanti alla botola e capisco che l'uomo col megafono e gli occhiali da sole è Fiorello che dice : "Uscite tutti che non è vero niente, stiamo girando un film e per rendere più realistiche le scene vi abbiamo fatto credere che fosse tutto vero."
....non immaginate che sollievo.....



Sogno numero due:

Premessa: io gli stupratori li mutilerei e li metterei a spaccare pietre sotto al sole in eterno!

Il Sogno:
Dopo tanto tempo ritorno a Cuscì, ma con i miei vecchi compagni di scuola, con noi anche il professore di economia aziendale...camminiamo e mi si riempie il cuore, faccio un pò da guida e sono contenta di rivedere quelle strade...Cammino sottobraccio ad una ragazza, ci addentriamo in una via ed è troppo tardi quando ci rendiamo conto che più avanti sedute su due sedie di plastica bianca, ci sono due vecchiette, di quelle che d'estate mettono su quei prendisole a fiorellini, le ciabatte di pezza cordinate, e se ne stanno lì a prendere aria e dire chiacchiere (esempio), queste due però impugnano due mitragliette una ce l'ha bianca, l'altra ce l'ha nera, sembrano dei giocattoli, ma so che non lo sono. E' una di quelle situazioni in cui non sai se voltarti o continuare per la tua strada perchè già sei consapevole in partenza che qualunque tua mossa potrebbe  suscitare l'ira dello psicopatico di turno. Così decidiamo tacitamente di proseguire, passiamo davanti alle vecchiette e fingiamo indifferenza, come se le mitragliette non le avessimo viste. Ok...Le abbiamo oltrepassate, il pericolo è scampato...ma...ohi....a un certo punto sento un dolore freddo alla testa, e capisco che mi hanno sparato...a una vecchia è partito un colpo....mi calo nella scena madre, mi accascio a terra e mi dico che sto morendo, che è finita, morirò presto. Ma io, tanto morire non mi ci sento...la mia compagna (che poi in realtà non so chi sia, non l'ho mai vista), si inginocchia vicino a me, e piange disperata, e mi dice le sue ultime parole... Io già mi sono stufata di aspettare, pensavo di morire all'istante e invece sto ancora stesa a terra a sentire questa che piangere, tant'è che con la mia testa bucata e insanguinata penso : "Stupida, perchè non chiami aiuto invece di starmi addosso e togliermi l'aria?" Buio. Mi risveglio in un letto di ospedale, la testa fasciata, e sulle garze  una chiazza rossa di sangue, stesa sul letto cerco di capire se quel colpo alla testa mi abbia privato di una qualche funzione vitale, però le gambe e le braccia si muovono, ci vedo, a ragionare ragiono perchè sto ragionando su questo fatto..quindi bene, quel colpo non ha causato danni irreparabili, ora non mi resta che starmene buona e tranquilla a letto finchè non si risana il buco.
Vedo mia madre che si alza di scatto e chiede informazioni sulla mia salute ad una dottoressa che passa di li, la quale risponde cosi: "Tranquilla signora è andato tutto bene, sua figlia si riprenderà....e per fortuna anche il bambino sta bene!"

????????????????????????????????????

....................................

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il bambinooooo? Ma quale bambino?
Ma come, prima dello sparo ero casta e pura ed ora mi risveglio incinta?
Insomma pare che un agente di polizia, nel tragitto luogo dello sparo - ospedale, abbia abusato di me.
Ed io li a piangere lacrime dannate!
Alla fine questo bambino lo faccio nascere, ma non voglio sapere chi è il padre....mentre mi aggiro per una casa semi buia e inquietante con questo bambino in braccio vedo una tv accesa, è su rai tre, danno chi l'ha visto e stanno mandando in onda la foto di Fabrizio Frizzi mentre Federica Sciarelli dice che si è disperso e che da giorni non si hanno notizie; Tutto in lui è cambiato da quando un giorno per fare il deficiente come al solito è entrato in una studio televisivo durante una trasmissione vestito da centurione romano in groppa ad un cavallo, il quale però si è imbizzarrito e lo ha fatto cadere. Cadendo ha sbattuto violentemente la testa per terra (ovviamente ripropongono ripetutamente l'immagine del misfatto) e da quel giorno non è stato più lui, finchè si è giunti a questa inaspettata e angosciante scomparsa. Aiutateci a ritrovarlo.



Sogno numero tre:

Premessa: mi ha sempre fatto un po impressione!

Sogno (della scorsa notte):
Tra i vari drammi ho appreso dalla tv che Claudio Lippi, noto conduttore de "Il pranzo è servito" (ma poi lo ha veramente mai condotto??) è morto. In onda immagini della sua sfolgorante carriera e il cordoglio del popolo italiano tutto!





Questo è quanto ogni notte il mio cervello mi comunica.

Non so voi.... ma io sono alquanto allibita!


16 luglio 2009

Giro girotondo




Non scrivo più perchè sono occupata a volteggiare sulle punte

mentre

me la suono

me la canto

e un pò

e

solo per un pò

me la rido

...............

e intanto

giro


giro

giro

giro

giro

.......



11 luglio 2009

TU SEI CATTIVO CON ME, PERCHE' TI SVEGLI ALLE TRE PER GUARDARE QUEI FILM UN PO' PORNO POP PORNO PORNO PORNO...

Orsù bando alle ciance, alle amarezze, alle ripetute ed infinite delusioni e andiamo avanti che tanto la  vita continua.

Ormai è cosa nota la mia ricerca di lavoro!
Ogni giorno spulcio numerossissimi annunci, e grazie all'indiano sono diventata abbastanza lesta ad individuare le burle, scoprendo così con una certa tristezza che su 10 annunci 9 sono fregature.
Principalmente la mia ricerca si svolge su internet, ma su consiglio altrui, mi sono data anche alla carta stampata. Fu così che:

Io : "Mi da il giornale con le offerte di lavoro?"
Giornalaia : "Neee e che ti devo dare?"
Io : "???????????"

Sembrava una scena tratta da scemo e più scemo.

Va beh alla fine mi da un giornale pieno zeppo di annunci, di tutto e di più, case , macchine, portapenne, acido muriatico, figurine, collezioni improponibili ed impensabili, qualche annuncio di lavoro e gioia delle mie gioie GLI ANNUNCI PERSONALI.

Appena li ho visti sono stata catapultata indietro nel tempo, quando a scuola non mi ricordo per quale attività una volta a settimana ci arrivavavano i giornali in classe e noi, piccoli decelebrati in preda a crisi ormonali finivamo sempre per leggere quegli annunci che iniziavano per A.A.A. e terminavano con aaaaaaah, siiiiiiiii!

Quindi me li sono letta tutti con un certo gusto e devo dire che hanno rinvigorito il mio amore per il genere umano, perchè si noi esseri umani certe volte sappiamo essere fantastici!

Quindi ora vi subirete questa carrellata di annunci che ho personalmente scelto per voi.

Iniziamo con la meglio categoria : i trasgressivi




 Hai capit?









Francamente con questi caldi non mi metterei ad annusare i pedalini della gente.





Non ce li ho! Però li posso andare a prendere dal sexy shoppe!







 Questa storia del massimo eros mi ha colpito assai








 Con le pinne, la frusta e gli occhiali...








Non so perchè ma a me sembra tanto la pubblicità di una discoteca.











 L'annuncio di un orsetto di peluche.






Poi c'è un'altra categoria, quella che a mio avviso rasenta la prostituzione :



Ci sono i romanticoni della situazione :





Gli ambigui :


Qui mi sfugge qualcosa, forse negli annunci la dicitura "anche orfane" ha un significato diverso e nascosto? Perchè specificare che anche un'orfana può andare bene? Spiegatemelo perchè non ci dormo più la notte.

Questo è tutto un programma.Giovane, carino, prestante, amante delle donne, ok, fin qui tutto bene.
Trascurato dalla famiglia, e son cose che possono capitare. PENSIONATO? Allora due sono le cose,o sei andato in pensione a 30 anni oppure, avrai minimo 60 e per quanto tu ti possa tenere bene,giovane non lo sei, accettalo. Per quanto rigurda il carino e prestante perdonami ma nutro forti dubbi al riguardo!




 Che più vago di così non potevi essere.



E poi ci sono i miei preferiti :

Perchè se non ti ospitano tu rinunci a priori? Guarda che esistono gli alberghi, le pensioncine, gli agriturismi, non ti dare subito per vinto, su!





 Che bellini! Già me li immagino!





Dai però sono giorni che provo a chiamarti e hai sempre  il telefono occupato!






Le rose sono rosse, le viole sono blu, dolce è lo zucchero, ma non quanto sei tu.





 Io porto le costruzioni, e le formine tu che porti?




 Quasi, quasi......ma si dai....dove si raccolgono le adesioni?




E vi lascio con l'ultimo


TU SEI CATTIVO CON ME, PERCHE' TI SVEGLI ALLE TRE PER GUARDARE QUEI FILM UN PO' PORNO POP PORNO PORNO PORNO...

Orsù bando alle ciance, alle amarezze, alle ripetute ed infinite delusioni e andiamo avanti che tanto la  vita continua.

Ormai è cosa nota la mia ricerca di lavoro!
Ogni giorno spulcio numerossissimi annunci, e grazie all'indiano sono diventata abbastanza lesta ad individuare le burle, scoprendo così con una certa tristezza che su 10 annunci 9 sono fregature.
Principalmente la mia ricerca si svolge su internet, ma su consiglio altrui, mi sono data anche alla carta stampata. Fu così che:

Io : "Mi da il giornale con le offerte di lavoro?"
Giornalaia : "Neee e che ti devo dare?"
Io : "???????????"

Sembrava una scena tratta da scemo e più scemo.

Va beh alla fine mi da un giornale pieno zeppo di annunci, di tutto e di più, case , macchine, portapenne, acido muriatico, figurine, collezioni improponibili ed impensabili, qualche annuncio di lavoro e gioia delle mie gioie GLI ANNUNCI PERSONALI.

Appena li ho visti sono stata catapultata indietro nel tempo, quando a scuola non mi ricordo per quale attività una volta a settimana ci arrivavavano i giornali in classe e noi, piccoli decelebrati in preda a crisi ormonali finivamo sempre per leggere quegli annunci che iniziavano per A.A.A. e terminavano con aaaaaaah, siiiiiiiii!

Quindi me li sono letta tutti con un certo gusto e devo dire che hanno rinvigorito il mio amore per il genere umano, perchè si noi esseri umani certe volte sappiamo essere fantastici!

Quindi ora vi subirete questa carrellata di annunci che ho personalmente scelto per voi.

Iniziamo con la meglio categoria : i trasgressivi




 Hai capit?









Francamente con questi caldi non mi metterei ad annusare i pedalini della gente.





Non ce li ho! Però li posso andare a prendere dal sexy shoppe!







 Questa storia del massimo eros mi ha colpito assai








 Con le pinne, la frusta e gli occhiali...








Non so perchè ma a me sembra tanto la pubblicità di una discoteca.











 L'annuncio di un orsetto di peluche.






Poi c'è un'altra categoria, quella che a mio avviso rasenta la prostituzione :



Ci sono i romanticoni della situazione :





Gli ambigui :


Qui mi sfugge qualcosa, forse negli annunci la dicitura "anche orfane" ha un significato diverso e nascosto? Perchè specificare che anche un'orfana può andare bene? Spiegatemelo perchè non ci dormo più la notte.

Questo è tutto un programma.Giovane, carino, prestante, amante delle donne, ok, fin qui tutto bene.
Trascurato dalla famiglia, e son cose che possono capitare. PENSIONATO? Allora due sono le cose,o sei andato in pensione a 30 anni oppure, avrai minimo 60 e per quanto tu ti possa tenere bene,giovane non lo sei, accettalo. Per quanto rigurda il carino e prestante perdonami ma nutro forti dubbi al riguardo!




 Che più vago di così non potevi essere.



E poi ci sono i miei preferiti :

Perchè se non ti ospitano tu rinunci a priori? Guarda che esistono gli alberghi, le pensioncine, gli agriturismi, non ti dare subito per vinto, su!





 Che bellini! Già me li immagino!





Dai però sono giorni che provo a chiamarti e hai sempre  il telefono occupato!






Le rose sono rosse, le viole sono blu, dolce è lo zucchero, ma non quanto sei tu.





 Io porto le costruzioni, e le formine tu che porti?




 Quasi, quasi......ma si dai....dove si raccolgono le adesioni?




E vi lascio con l'ultimo


7 luglio 2009

Una delle tante


Ennesima cocente delusione.....

6 luglio 2009

UN'AMORE SENZA ZUCCHERO (Cheeni Kum)


Io dell'amore ne so veramente poco, soprattutto dell'amore tra un uomo ed una donna..
Ma se amore ci deve essere per me deve essere così, come quello di questo film..la mia esatta idea di amore!
Chiedo forse molto?
Probabilmente si!





Cliccate sulla locandina

1 luglio 2009

L'INDIANO CHE FA L'INDIANO

Altro colloquio di lavoro...
Martedì ore 18.OO in città

Io povera anima sprovveduta mi faccio accompagnare in città da mio padre.
Ovviamente tralascio il racconto di cose come :
- l'appuntamento è alle 18.00 ma noi partiamo alle 15.30 perchè dobbiamo passare dal policlinico a pagare il ticket;
- arriviamo alle porte della città e puntualmente mio padre si perde e non sa ancora orientarsi dopo aver lavorato 30 anni in quella stessa città;
- mio padre è un fenomeno;
- parcheggiamo all'autosilo e ci rendiamo conto che l'ufficio ticket è dalla parte diametralmente opposta al punto esatto in cui ci troviamo noi!;
- aspettiamo la navetta;
- arriva la navetta ma va tanto lenta che le lumache ci sorpassano e ci dicono ciao;
- paghiamo quello che c'è da pagare, riaspettiamo la navetta, risalutiamo le lumache e rientriamo in macchina;
- ci perdiamo;

Comunque sia verso le 18.00 arrivo in via TalDeiTali numero 30.
Una palazzina importante, di quelle storiche;
Entro.
Sento una voce : "Prego? Prego?"
Alzo lo sguardo e da una specie di finestrella un uomo mi chiede dove devo andare, ed io rispondo : "Al secondo piano, ho un colloquio!"
e quello mi fa : "Eh? L'avvocato..???"
Ma qual avvocato, penso io, e ripeto : "Ho un colloquio, mi hanno detto di salire al secondo piano!"
Portinaio : "Ah si allora deve salire al secondo piano!"
Ma va!?

Anche l'ascensore e di quelli storici, grata di ferro, porta da aprire manualmente!
Secondo piano!
Suono!
Driiiin!
Mi apre una ragazza con tanto di sorriso e mi fa accomodare...
Ah..bello..il posto mi ispira....pareti gialline, quadri, poltroncine blu e c'è anche la radio accesa!
La ragazza dice che tra poco arriverà la responsabile, così capisco io, LA RESPONSABILE;
La cosa mi piace, parlare con le donne mi crea meno tensione (a parte quella dell'altro giorno che aveva qualcosa di mascolino). Passano due minuti e...mi si affaccia un uomo...mo dire uomo è troppo, un ragazzo, va! Una trentina di anni circa! Vestito tutto elegante, pantalone blu gessato, camicia azzurrina e cravatta blu (che io quando vedo un uomo cosi mi fa sempre un certo effetto). Ora non so dove sia nato ,cresciuto e pasciuto questo tizio, di sicuro però si porta nei geni origini indiane! Ha i capelli nero pece, la pelle scura, ma di uno scuro gradevole e due occhi così belli e di un colore così indefinito che non si riescono a fissare a lungo!
Mi stringe la mano e mi fa accomodare nel suo studio, elegante e ben tenuto!
Apre bocca e comincia a dire cose incomprensibili, noto che davanti a se ha la stampa del mio curriculum, lui parla ed io penso a cosa rispondere se anche questo mi chiede delle doti organizzative (ho eliminato tale voce dal nuovo curriculum)!
Vi faccio un sunto di quanto è stato detto...da lui:
"Sono stato incaricato di aprire una nuova filiale in undici mesi, visto che l'anno scorso è andata bene e sono stato bravo; Lavoriamo per conto di grandi aziende; abbiamo lavorato per la mondadori, per la benetton ed ora ci occupiamo dell'informatica! Sto cercando un team di persone per portare avanti questa nuova filiale, con varie mansioni, dalla registrazione delle fatture al contatto col cliente!"

Bell u fat!

Io gli stavo seduta di fronte, lo guardavo, ma a tratti dovevo abbasare gli occhi perchè non ce la facevo a sostenere il contatto con quei due fari incastonati nelle orbite!
Lo guardavo, sorridevo e annuivo !
Ad un tratto mi fa :
"Senti per me il primo impatto è stato più che positivo, sei solare" (Chi io? Mah!)
"Ce la fai domani mattina per le otto e mezza ad essere qui? Organizzo una giornata dimostrativa..passerete tutta la giornata con noi, così vedete di cosa ci occupiamo
e poi a fine giornata, dopo avervi osservato, vi dirò se è un si oppure un no, che tanto "i faremo sapere" non servono a nulla"

Esco di lì con un vago sentore di truffa! E mi sento la scritta "SEI UN'IDIOTA" lampeggiare sulla testa.

Sento che al 90% c'è sotto qualcosa, ma testarda mi ostino a voler dare ancora fiducia al genere umano!

........................................

E fu sera e fu mattina....e fu mercoledì!

Ore 06.00 mi sveglio con un vago sentore di morte addosso!
Mi rigiro nel letto e comincio a chiedermi : "Ci vado? O non ci vado?"
A questo punto subentrano Gianni e Pinotto;
La parte sana di me (Gianni) mi dice : "Vacci, non ti costa nulla, passi una giornata diversa, anche se alla fine non concludi nulla almeno non avrai rimorsi...male che va ti fai un giro in città"
La parte malata di me (Pinotto) dice : " Ma chi te lo fa fare? Ma si vede che è una truffa! Troppa gentilezza! Ma restatene a letto! E se poi ci vai e ti senti male?(Quest' ultimo pensiero sembra fuori luogo
ma non lo è, visto che è il preferito di Pinotto che me lo ripropone in una vasta gamma di situazioni)."

Ore 06.30, mi alzo, ingoio un plum cake, mando giù le pillole con un sorso di latte con lo stesso atteggiamento di uno che sta mandando giu tutto di un fiato un bicchierino di alcool,
mi lavo, mi vesto e sistemo la borsa : portafogli, tic tac, quaderno rosso piu penna nera, telefono, fazzoletti, stecca di moment, lettore mp3, un pacchetto di cracker, una bottiglietta di acqua, il libricino della felicità!

Arrivo in stazione, e alle 7.15 salgo sul treno, inforco gli auricolari eee...mi sento bene!
Che bella la musica.. tra la la trullalerola!

No, no aspetta un attimo, no, non mi sto sentendo per niente bene...le budella iniziano a contorcersi, necessito di un bagno...ma non c'è!
Penso : "Adesso appena arrivo al capolinea, scendo da questo treno e ne prendo subito un altro che mi riporti a casa."

Arriviamo al capolinea, scendo, salgo sulla scala mobile, e sono in città!

Mi sento dire : "Bella, tu che sei una bella ragazza...", voleva dei soldi, faccio finta di niente e proseguo.

Percorro una delle strade che preferisco, sono le otto e tutti i negozi sono ancora chiusi. La città si sta lentamente rianimando!

Un vecchio, in mezzo ad altri vecchi, seduto su una panchina, col pantaloncino, il calzino grigio e i mocassini, le gambe aperte e la panza tra le gambe mi guarda e fa : "Na veit a cher cum è!" (Now I translate for the incompetentss : Na, (che noi infiliamo un po
ovunque e che modifica il suo significato a seconda dell'intonazione), guarda come è quella ragazza che sta passando or ora!)
Io lo fulmino con lo sguardo e faccio una faccia che ha un unico significato : "Ma tu t si vist, c si brut!" (ma ti sei visto quanto sei brutto tu! Si,si proprio tu!)


Mi siedo su di una panchina e aspetto che siano le 8.30...sulla panchina penso di nuovo di fare retromarcia e tornarmene da dove sono venuta. Ma, mi alzo e proseguo;
Stesso palazzo, stesso ascensore, stessa porta, stessa segretaria!

Mi accomodo nel salottino, c'è un altra ragazza, dopo un pò, arriva un ragazzo, mi sento sconfortata...arriva un'altra ragazza ed infine ancora un altro ragazzo.
Ci guardiamo, inevitabilmente iniziamo a fare salotto!
Ci chiediamo se qualcuno di noi ha capito concretamente di che lavoro si tratta e la risposta collettiva è no!

Inoltre siamo cosi diversi :
- C'è la ragazza di 32 anni, che ha lavorato a Londra, in Irlanda, a Barcellona, ed è laureata in lettere!
- C'è il geometra 32enne, mandato via dopo tanti anni di lavoro presso una grande azienda a causa di una riduzione del personale;
- C'è la ragazza di 18 anni, che non ho capito se la scuola l'ha finita oppure no!
- C'è il ragazzo di 22 anni che fino all'altro giorno faceva il muratore ed ora è disoccupato!
- Ci sono io...

Parliamo, cerchiamo di capire e ad un tratto l'ex  muratore ci svela l'arcano : un suo amico è stato assunto da queste persone! Praticamente dobbiamo passare la giornata con un tizio o una tizia che lavora per loro, e che va nei negozi o non so dove a proporre le promozioni tele2 o fastweb (non mi ricordo), inoltre dalla città dobbiamo spostarci in altri paesi; dalle 09.00 alle 18.30, camminare, parlare, camminare, scassare l'anima alla gente...

Un unico e solo pensiero aleggia in me:

Ce deeeeeeeeeee?


Io e i trentaduenni conveniamo che se si tratta di questo, ci alziamo e ce ne andiamo!

Ad un certo punto sentiamo delle urla disumane: era il famoso team che lavora li, che aveva finito la riunione mattutina e si stava gasando/autoconvincendo/esaltando, per affrontare
una nuova giornata di lavoro e per motivarsi a raggiungere gli obbiettivi del giorno! Insomma tecniche psicologiche abbastanza spicciole!

Ne sbuca uno pure questo vestito tutto elegante!

Ci chiamano ad uno ad uno e ci affidano a questi esaltati!

La mia è una donna si chiama Magno (presumo di cognome), è vestita come se di li a un'ora dovesse fare da testimone al fratello che si sposa, ha la faccia acida e mi stringe la mano!
Cerco chiarimenti all'indiano che però mi intorta un'altra volta! Esco con la tizia che comincia a correre e dopo qualche secondo mi ha distanziato di due metri!

Magno : "Quanti anni hai?"
Io: "26"
Magno ripete il numero 26 e sembra voler dire : Poveraccia!
Io : "Tu?"
Magno : "24"
Io : "Scusa, ma dove stiamo andando?"
MAgno: "A lavorare!"
Io: "Si,ma dove?"
Magno sussurrando dice il nome di un paese che dista un'ora da dove ci troviamo!

Magno: "Ti sei messa le scarpe comode? Che c'è da camminare! E fai presto che è tardi!"

Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaalttttttttttttttttttttttttttt!!!!!!!!!

Io: "Senti scusa, ma mi spieghi che lavoro è?"
Magno: "Oggi vedrai!"
Io: "No senti, perchè se è un lavoro in cui ogni giorno mi devo sbattere l'anima da un paese all'altro, non è per me! Cioè io proprio a livello di salute non me lo posso permettere!"

Mi guarda schifata;

Magno : "Ma tu studi?"
Io: "Diciamo di si"
Magno: "E perchè vuoi lavorare?"
Io: "Perchè ne ho bisogno!"
Mi risponde con una cosa simile a questa:
"Allora se hai bisogno di lavorare sta zitta e muoviti" (ovviamente non in questi termini ma la faccia e il tono erano quelli).

Io: "No, scusa ma dimmelo, di che cosa si tratta!"

Si ferma, perchè tutta questa discussione l'abbiamo fatta camminando/correndo;

Magno: "Noi abbiamo bisogno di gente che ha voglia di lavorare, determinata, e il nostro lavoro consiste nel camminare e parlare tutto il giorno! Se non te la senti, puoi andare, ci parlo io col capo!"
      
Io : "Qui la questione non è la voglia di lavorare, perchè quella c'è, la questione è che non mi piace questo lavoro e non lo reggerei!"

Giriamo i tacchi (cioè lei, io giro le scarpe da ginnastica) e ognuno prosegue per la sua strada...


Ora affinchè io non sembri più pazza del dovuto , per la serie prima rispondi ad un annuncio e poi non vuoi lavorare, tengo a precisare che l'annuncio a cui ho risposto è il seguente



Leggendolo mi è parso di capire che più o meno servisse gente per lavorare in un ufficio, non di certo venditori erranti e disperati.


Ritornando in stazione, sono passata da una libreria e non riusciendo a decidermi per nessun libro, ho preso questa, che rispecchia molto il mio attuale umore!




In stazione mi sono seduta su di una panchina e ho affogato i miei dispiaceri in una limonata ghiacciata!