11 gennaio 2015

Grosse riflessioni da MediaWorld

L'altro giorno sono andata da Mediaworld perchè mi serviva un telefono nuovo.
Mentre passeggiavo tra i corridoi la mia attenzione è stata catturata da una bambina. Avrà avuto all'incirca due anni e saltellava tutta gioiosa tra i frullatori ad immersione e le friggitrici con il suo cappottino rosso e la borsettina a tracolla.
"Ma io questa bimba la conosco" ho pensato e subito dopo è apparsa la mamma e mi è sembrato di conoscere anche lei.
Tempo due secondi e spunta anche il papà. Spunta il papà e tutto mi è chiaro.

Ho conosciuto questo ragazzo tempo fa in una chat. Ci siamo sentiti per un po' anche su facebook e non so per quale assurdo motivo ma a questo tipo io piacevo.
Mi invitava continuamente ad uscire ed io continuamente rifiutavo, perchè altro non so fare.
Il rifiuto è l'unica cosa che conosco bene, è la mia zona di comfort e scomfort allo stesso tempo, lì mi hanno detto di stare e lì continuo a stare.
Fatto sta che, giustamente, alla fine ha smesso di farmi la corte.

Poi dopo un po' di tempo sono apparse su facebook le foto del suo matrimonio e di sua figlia appena nata. Dopo un altro po', non so perchè, visto che neanche ci parlavamo più, mi ha cancellato dalle amicizie.

Qualche settimana fa mi ha richiesto l'amicizia, io ho accettato e da allora continuiamo ad ignorarci come prima, più di prima......Internet ci rende tutti dei grandissimi idioti.


Appena l'ho visto col suo carrellino e la famiglia a seguito d'istinto e con un poderoso colpo di reni mi sono nascosta dietro un televisore che ringraziando il cielo sono sempre piu grandi e sempre più neri....proprio come me.

E allora per un attimo ho pensato: "Magari potevo esserci io lì, magari tutta quella normalità poteva essere mia: un marito, una figlia, una passeggiata da Mediaworld per comprare un tostapane che in quello vecchio la bambina ci ha infilato Hello Kitty e non esce più".

Poi mi guardo, penso a questi ultimi miei trent'anni e capisco, mio malgrado, che non sono fatta per la normalità!



E ci sono giorni in cui questo pensiero mi angoscia assai e mi devasta l'anima.

2 gennaio 2015

2015

Apro la posta e.....

" Un giorno per caso sono finita nel tuo blog, ho letto vari post e nonostante mi ci ritrovassi a pieno nella tua sofferenza devo dirti che mi hai fatta morire dal ridere, racconti le tue avventure in un modo assurdo!
Volevo solo fartelo sapere, ho visto che non posti più da tanto, io ti ho scoperta da poco e già non scrivevi più..peccato perchè in fin dei conti ho capito di non essere l'unica che ha problemi col cibo...

Spero tornerai a scrivere! Ciao :) "
 
Leggo tra i commenti e....
 
" Ciao Very.Mi manca leggerti.Mi fai sentire meno sola.Come posso chiacchierare con te?Skype?Ti abbraccio e spero che tu stia bene"
 
" Manchi ❤️"
 
" Very mi manchi. Ti prego torna."
 
 
Allora penso che forse tra i buoni propositi per questo nuovo anno, ci debba mettere anche questo:
 
- Tornare a scrivere sul blog.... scrivere, di qualsiasi cosa, non necessariamente cose personali, non necessariamente post lunghissimi, ma l'importante è scrivere. 
Può far bene a me e tenere compagnia a qualcuno di voi. 
E allora, porca vacca, riproviamoci !!!!!!!

;)